Skip to content

Comunicare la sostenibilità, quella vera

Il greenwashing è un boomerang per le aziende che non hanno interesse ad evolvere. Noi vogliamo aiutare raccontare la sostenibilità autentica di chi ci crede davvero
17.02.23
Tempo di lettura:

Le aziende stanno cavalcando il tema ambientale con grande fervore e, sarà l’occhio clinico o il nostro interesse personale, ce ne accorgiamo subito quando qualcosa stona nella  comunicazione dei brand, piccoli e grandi. E siamo certi che anche i consumatori e i clienti finali se ne rendano conto e questo, di fatto, la rende un boomerang in termini di brand reputation.

Siamo sicuri che la tua comunicazione green sia cosa buona e giusta?

Il pericolo da scongiurare è quello di alimentare il fenomeno del greenwashing che, come affermato da un gruppo di esperti delle Nazioni Unite alla Coop 27 di Sharm el-Sheikh «è sfuggito al controllo». Il Segretario Generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres ha infatti sottolineato come «non possiamo più permetterci mosse false o qualsiasi forma di greenwashing».

Il greenwashing si manifesta nella comunicazione quando le imprese agiscono per apparire più eco-sostenibili e attente all’ambiente di quanto lo siano in realtà, per logiche di mercato fini a sé stesse.

Questa sintesi semplifica quello che in realtà è un fenomeno complesso, rappresentato da diversi livelli di ambiguità.

Per chi non ci avesse mai riflettuto prima, ricordiamo che il neologismo inglese è stato forgiato partendo dalla parola whitewashing che significa insabbiare, adattandolo al termine green che rappresenta visivamente, da diversi anni, tutto ciò che di positivo è legato all’ambiente.
La prima volta che si sentì nominare questa parola era il 1986, quando l’ambientalista americano Jay Westerveld lo usò riferendosi a strutture ricettive più attente agli introiti che all’ambiente.

In italiano lo possiamo tradurre con l’ecologismo di facciata, sfoggiato con la comunicazione e lo storytelling.

Chi fa greenwashing?

Oggi tante aziende in tutto il mondo adottano questa tecnica subdola e per capire il motivo è sufficiente leggere alcune statistiche:

una ricerca del 2022 di Altroconsumo sulle abitudini di 13 Paesi posiziona l’Italia al 6° posto per lo stile di vita sostenibile.
Adottiamo comportamenti sostenibili soprattutto nel rapporto con il cibo e nello shopping, preferendo l’acquisto di prodotti con un minore impatto ambientale.

La tendenza è in crescita e, secondo lo studio “Top 10 Global Consumer Trends 2022” di Euromonitor, il 78% degli intervistati ritiene che il tema del cambiamento climatico modificherà in modo importante i comportamenti, i bisogni e le preferenze dei consumatori che daranno sempre più attenzione all’impatto ambientale delle loro scelte.

Volevi solo soldi, soldi (clap, clap)

Nelle board delle aziende si è acceso subito il campanello d’allarme che suona esattamente così:

dobbiamo spostarci sul tema green per mantenere i nostri consumatori, valorizzare la reputazione dell’impresa e aumentare il fatturato”.

Rendere l’impresa sostenibile è molto complesso, anche dal lato economico, e spesso è il prodotto stesso a essere il principale ostacolo verso la sostenibilità. Le realtà che non sentono questo valore come proprio non implementano concrete azioni migliorative ma attivano la strategia del greenwashing.

Uno studio pubblicato nel 2021 dal SUM (Sustainability Management) della Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa afferma che su 1.300 annunci pubblicitari analizzati, l’83% è tacciabile di greenwashing per l’inconsistenza del beneficio ambientale ostentato.

Queste tecniche diventano sempre più sofisticate e riconoscerle è difficile, ma ciò che interessa a Nodopiano, come studio digitale, non è tanto (o non solo) educare i consumatori a riconoscerle, bensì aiutare le aziende a raccontare il proprio reale impatto benefico nel modo corretto.

Quando un brand è green lo deve dire a tutti (ma farlo bene!)

La narrazione di un autentico impegno ecosostenibile deve:

  • includere dati a supporto di quanto dichiarato, con riferimenti a fonti ufficiali e verificabili;
  • mettere in evidenza il percorso e lo storico delle azioni promosse;
  • utilizzare un linguaggio trasparente, che non dia adito ad ambiguità che fanno leva sull’emotività dell’utente;
  • descrivere tutti gli elementi attivati;
  • mostrare l’impegno nel conseguimento di certificazioni riconosciute;
  • promuovere l’adesione alla causa di tutta la struttura, la condivisione di valori è fondamentale per radicarsi in modo autentico;
  • integrare il racconto della sostenibilità nella strategia di marketing globale.

E soprattutto smettere di considerare il colore verde o il termine green come sufficienti per inscenare iniziative sostenibili!

Noi lavoriamo a fianco di aziende e persone che vogliono lasciare la propria impronta positiva nel mondo, e hanno bisogno di supporto professionale per raccontare impegno e valori in modo efficace. Lo facciamo ad esempio con il Fiore delle Dolomiti, perché condividiamo l’urgenza di fare qualcosa di concreto per migliorare il mondo, che potrebbe ormai equivalere a salvarlo.

Ci piace immaginarci come Robin che fa da spalla a Batman. Ci sta come esempio? Magari a bordo di una Batmobile elettrica.

P.S. Nel nostro profilo Instagram trovi degli esempi clamorosi di greenwashing!

La tua iscrizione non può essere convalidata.
La tua iscrizione è avvenuta correttamente.
Iscriviti alla nostra newsletter!

Riceverai consigli e proposte per migliorare la tua impresa!

Condividi su
  • LaravelDay e VueDay, tra teoria e pratica
    Per i nostri dev è ormai un appuntamento fisso! 
    leggi tutto
  • Nuova energia creativa grazie a Play Copy 2023
    Anche la parte di copy ha bisogno di prendersi un momento per crescere
    leggi tutto
  • Bias cognitivi: nuove pillole utili
    Scopri fono in fondo dove la tua mente può raggirarti
    leggi tutto
  • I bias cognitivi: ostacoli per la mente e leve per il marketing
    Quanta fiducia dai alla tua mente? In questo articolo ti spigheremo che non è così…
    leggi tutto
  • UX e UI design: temi da approfondire
    Ecco la seconda parte del nostro approfondimento dedicato all'UX e UI design, buona lettura!
    leggi tutto
  • UX e UI design: il decalogo definitivo
    Ti è già capitato di atterrare su un sito e non riuscire a ricavare le…
    leggi tutto
  • Kayak, la nostra interfaccia open source per interagire con Docker
    Abbiamo progettato un software che fornisce un ambiente di sviluppo Wordpress in pochi minuti
    leggi tutto
  • Ordini Professionali e presenza digitale
    Un sito web è utile a ogni forma di organizzazione, non si tratta sempre e…
    leggi tutto
  • Progettare siti web per la pubblica amministrazione
    Progettare siti web per gli enti pubblici significa lavorare al massimo grado di efficienza per…
    leggi tutto
  • Comunicare la sostenibilità, quella vera
    Il greenwashing è un boomerang per le aziende che non hanno interesse ad evolvere. Noi…
    leggi tutto
  • Le migliori campagne di marketing del 2022, quelle di valore
    Abbiamo scelto 3 campagne di marketing che più ci sono piaciute (e hanno funzionato) nel…
    leggi tutto
  • Employer Branding: significato e vantaggi per le aziende
    L'Employer Branding è la strategia che definisce, gestisce e promuove l'immagine di un'azienda come luogo…
    leggi tutto
  • Vue Day e Laravel Day
    Impressioni e opinioni del Team Sviluppo su LaravelDay e VueDay 2022
    leggi tutto
  • Excel e Gestionali: i due software per la gestione aziendale
    Automatizzare e ottimizzare è fondamentale per gestire al meglio un'azienda. E grazie all'unione di Excel…
    leggi tutto
  • Le difficoltà nella ricerca di personale
    I fattori che stanno rendendo difficile per le aziende la ricerca di nuovo personale sono…
    leggi tutto
  • Comunicare i valori del bio in modo autentico
    L’esigenza è far comprendere al pubblico quanto impegno e quanta responsabilità ci siano alla base…
    leggi tutto
  • Il metodo Agile all’interno di Nodopiano
    Chi applica e prova l’Agile non torna più indietro. Vuoi sapere come siamo giunti a…
    leggi tutto
  • Web Marketing Festival 2022: il futuro è qui
    Diffusione delle competenze digitali, promozione di temi sociali, innovazione e spettacolo: ecco il nostro WMF!
    leggi tutto
  • GDPR e Nodopiano: (s)piegare le regole
    Il GDPR ha cambiato fortemente il modo di raccogliere e utilizzare i dati degli utenti…
    leggi tutto
  • Come si diventa sviluppatori?
    Cura, semplicità e diffidenza sono i 3 principi da seguire se si vuole diventare sviluppatori
    leggi tutto
  • Chi ha paura della pagina bianca?
    Lo spazio bianco non è un nemico, è l'alleato per rendere un progetto grafico davvero…
    leggi tutto
  • Web 3.0: una rete di opportunità
    Web 3.0, privacy e criptovalute Cosa ci riserva il futuro?
    leggi tutto
  • Top 3 campagne marketing 2021
    Quali sono le campagne che più abbiamo amato nel 2021?
    leggi tutto
  • Trend Graphic Design 2022
    Il 2022 sarà un anno di grande semplicità e minimalismo per il mondo del Graphic…
    leggi tutto
  • Le 4P del Marketing Mix
    “Il marketing mix è la combinazione delle variabili controllabili di marketing che l’impresa impiega al…
    leggi tutto
  • Accessibilità nel web: il nostro impegno
    La web accessibility consente di fornire contenuti e funzionalità fruibili a qualsiasi utente, senza discriminazione
    leggi tutto
  • LaravelDay 2021
    Impressioni e opinioni del Team Sviluppo sul LaravelDay 2021
    leggi tutto
  • Gestione dei progetti in home working
    Nell’ultimo anno abbiamo investito molte energie per strutturare il nostro project management
    leggi tutto
  • Font e caratteri tipografici: una scelta di stile
    Scegliere il font per un progetto è un modo per avvicinarsi al cliente e comunicare…
    leggi tutto
  • PWA vs APP native: tutto quello che devi sapere
    La PWA è il mix ideale tra un'app e un sito web, riunisce le migliori…
    leggi tutto
  • La creazione di una campagna di sensibilizzazione
    Come comunicare un messaggio: dal concept della campagna alla data visualization, passando per i social…
    leggi tutto
  • Rebranding: a cosa ti serve?
    Il tuo brand è riconoscibile tra tutti gli altri? Cosa lo differenzia in maniera inequivocabile…
    leggi tutto
  • Come creare tabelle HTML responsive in puro CSS
    Come mostrare le tabelle di dati nei dispositivi mobile?Un problema che tutti si ritrovano a…
    leggi tutto
  • Perchè NodoPiano?
    Cosa vuol dire nodopiano? O meglio, nodo piano? Ve lo spieghiamo in questo post in…
    leggi tutto
  • Personalizzare gli elenchi numerati con CSS
    Qualche dritta da developer in questo post ad alto contenuto tecnico. Elenchi numerati con CSS:…
    leggi tutto