Nel nostro portfolio c’è un lavoro di cui andiamo particolarmente fieri. Un progetto interno, nato e cullato da noi di NodoPiano, che ne abbiamo seguito ogni fase: dalla genesi iniziale all’analisi dettagliata, dalla progettazione allo sviluppo, dalla creazione del logo e dei contenuti all’ottimizzazione continua del design e delle risorse disponibili… Un flusso di lavoro complesso e articolato, che ha dato vita a un sito web completamente personalizzato e ricco di funzionalità. Stiamo parlando del sito della Monaco Venezia.

font

palette colori

#ba0000
#2d353c

1 / Obiettivi

Perché abbiamo deciso di creare un portale per la Monaco Venezia? L’obiettivo era chiaro fin dall’inizio: colmare una lacuna, creando una guida online in italiano davvero completa su questo storico trekking internazionale. Un itinerario affascinante, che fino a pochi mesi fa parlava solo tedesco, ovvero la lingua del suo ideatore e dei molti escursionisti che lo percorrono ogni anno.

Sulla “Muenchen – Venedig” si trovavano libri (pochi) e siti web (ancora meno), in tedesco o al massimo in inglese. Eppure, la Monaco Venezia è in gran parte italiana, se consideriamo la maggior parte delle tappe.

2 / Analisi iniziale

Questa assenza di fonti è stata prima di tutto un’opportunità, ma anche la prima vera difficoltà con cui ci siamo confrontati. Ma dei contenuti del sito parleremo dopo.

Prima, ci sono stati i brainstorming e le idee da mettere in ordine. Fin da subito, sono emersi gli elementi essenziali che avremmo voluto inserire nel sito: una mappa complessiva del percorso magari con traccia gpx, i dettagli delle tappe e, per descrivere meglio i dati e i numeri di un itinerario così lungo, un’infografica o una rappresentazione simbolica e immediata.

3 / Web design (coi Lego)

Abbiamo cominciato subito con i classici wireframe, schizzati su un foglio di carta e trasformati poi in elementi grafici più definiti. Ma ben presto ci siamo scontrati con la rigidità di questo approccio. Non avendo ancora definito i contenuti al millimetro, stavamo costruendo tante scatole senza sapere esattamente cosa avremmo dovuto metterci dentro.

Ci siamo rimessi al lavoro e abbiamo cambiato prospettiva: gli elementi essenziali sono diventati componenti con cui costruire le pagine del sito, da progettare attorno al contenuto e non viceversa, realizzando una vera e propria living style guide. Una volta individuati questi moduli, è stato molto semplice comporli insieme come tanti mattoncini lego per formare le nostre pagine web.

Parallelamente, abbiamo iniziato a preparare i contenuti del sito: foto e testi, ma anche dati schematici, perché il nostro target – principalmente, escursionisti – ha bisogno di informazioni accurate e di conoscere con precisione il percorso.

4 / È il momento dei contenuti

Come individuare i contenuti giusti per un sito web come quello della Monaco Venezia? Non è di certo un segreto: ci piace immedesimarci nel lettore, e creare quello che noi stessi ci aspetteremmo di trovare visitando un sito di questo genere.

E da dove si parte quando non ci sono materiali in italiano? Da quel poco che esiste: libro e sito ufficiale in tedesco, ad esempio. Abbiamo selezionato le parti principali e le abbiamo fatte tradurre. Traduzioni accurate, elaborate già tenendo conto della necessità di scriverle per il web.

Oltre al materiale raccolto, ce n’era moltissimo da preparare da zero. Ogni risorsa diventa preziosa: vecchi libri di montagna – sì, anche quello dell’Alta Via scritto da Piero Rossi nel ’74! – mappe cartacee, google maps e street view, blog e consigli sui forum…

E, volendo creare una guida meticolosa e realmente utile, nulla sostituisce il valore dell’esperienza diretta: e così qualche ricognizione – leggi, escursione – sul campo è stata fondamentale per sciogliere i punti più nebulosi (e i muscoli intorpiditi davanti al pc).

5 / Il logo

Avete notato il logo della Monaco Venezia? Ce ne siamo occupati noi: dal concept creativo alla realizzazione finale, abbiamo seguito ogni fase di ideazione del logo.

L’idea era quella di rappresentare il percorso dotandolo di un nuovo marchio chiaramente riconoscibile.

Come? Abbiamo iniziato unendo le due iniziali delle città di partenza e arrivo – Monaco e Venezia – in un unico elemento grafico.

Siamo arrivati poi all’intuizione di richiamare la segnaletica presente lungo i sentieri di montagna, fondendo le due lettere in una freccia, che ricorda anche i segnaposti da mettere su una mappa.

Anche la scelta dei colori si è orientata sui toni tipi della cartellonistica nota agli escursionisti: rosso, bianco e nero.

Il logo rappresenta così l’itinerario: richiama il punto iniziale e quello finale e li unisce in una freccia che indica la direzione da seguire.

font

palette colori

#ba0000
#000000

6 / L’app

Man mano che i contenuti venivano completati, abbiamo sottoposto tutti i componenti – base (ricordate i mattoncini lego?) ad una revisione continua per migliorare sempre di più l’esperienza di navigazione dell’utente.

Lo stesso vale per i testi, rifiniti grazie anche alle indicazioni di chi la Monaco Venezia l’ha percorsa tutta.

Nel 2017, abbiamo aggiunto un ulteriore tassello a questo progetto: l’app per dispositivi Android, sviluppata dal nostro team. In questo modo, gli utenti possono consultare tutte le informazioni anche offline, in modo agile e pratico.

Lavorare allo sviluppo dell’app ci ha permesso di riorganizzare ulteriormente i contenuti e ripensarli con un obiettivo nuovo: fornire agli escursionisti le informazioni davvero importanti, rendendole disponibili in qualsiasi momento, senza bisogno di connessione (che spesso, in montagna, non c’è).

L’app Monaco Venezia è disponibile gratuitamente sul Google Play Store.