Skip to content

UX e UI design: temi da approfondire

Ecco la seconda parte del nostro approfondimento dedicato all'UX e UI design, buona lettura!

07.09.23
Tempo di lettura:

Nel precedente articolo abbiamo parlato delle euristiche di Nielsen, linee guida generali utili per valutare il grado di usabilità di un prodotto.

Oggi vogliamo introdurre un’altra disciplina molto importante della User Experience Design (UX): l’Interaction Design (UI). Il suo compito è facilitare le interazioni tra persone e prodotti digitali, migliorando (e anche influenzando) l’esperienza utente.

Cos’è l’Interaction Design?

L’obiettivo del designer è far sì che l’interazione sia veloce e intuitiva: l’impegno e lo sforzo da parte dell’utente deve essere ridotto al minimo indispensabile. Pensa, ad esempio, a come si semplifica sempre più il nostro utilizzo del cellulare con il perfezionamento continuo del touchscreen. Le azioni che facciamo sullo smartphone per raggiungere il risultato voluto sono sempre più rapide e istintive.

Esempi di buona UI

#1 Parole, paroloni e paroline

Le parole sono importanti per comunicare l’effetto di un clic su un pulsante o un’interazione, per questo dovrebbero essere facili da capire!
In questa fase ci viene in soccorso il copywriter, meglio se la sua specialità è l’UX writing. Si concentra sulla progettazione di testi o microtesti specifici, con l’obiettivo di migliorare l’esperienza utente nel sito o nell’applicazione, per evitare ogni possibile attrito dovuto a incomprensioni, ritardi o errori.

#2 Rappresentazioni visive

Questa sì è una vera sfida: usare rappresentazioni grafiche e non testuali per suggerire cosa fa quell’azione. Parliamo di elementi che servono per completare il contesto e semplificare l’informazione, per accompagnare l’utente a comprendere il messaggio in maniera più accurata. Certo, bisogna usarli con moderazione e uniformarli per non disorientare le persone, rispettando inoltre i canoni dell’accessibilità.

#3 Relazione tra oggetti e spazi

Quale tipo di dispositivo usi per navigare sul web? Smartphone, pc o tablet?
Nella progettazione dobbiamo tenere in considerazione i diversi supporti fisici su cui l’utente potrà visualizzare il prodotto, se utilizzerà un mouse e la tastiera o solo il touch del telefono, oppure altri dispositivi hardware come uno screen reader. Prova a guardare lo stesso sito dal computer e dal telefono, se non è ottimizzato per una diversa navigazione allora lo sviluppatore non ha fatto un buon lavoro.

#4 La dimensione temporale

Quanto tempo trascorre un utente con il prodotto? Come cambia l’interazione nel tempo? Animazioni, suoni, video… qualsiasi media cambia nel corso del tempo.
Con questa dimensione si fa riferimento a tutto ciò che investe il fattore temporale nell’utilizzo del prodotto. Ricordiamoci che l’esperienza utente non si limita al solo momento dell’interazione:

  • siamo condizionati da eventi passati e dalle aspettative
  • tendiamo a valutare l’esperienza e ricordarla solo per alcuni aspetti legati al tempo, come i tempi di attesa prima di compiere un’azione e questo è proprio ciò che tendiamo di più a raccontare agli altri

#5 Comportamenti

Lo studio del comportamento di navigazione consiste nell’esaminare tutto l’insieme delle reazioni e delle azioni messe in pratica dagli utenti nell’utilizzo dell’interfaccia. Raccoglie dati misurabili su ciò che le persone fanno, mettendo in evidenza possibili blocchi e problemi di usabilità. Come? Ad esempio usando Click Heat maps, delle “mappe di calore” in grado di individuare i punti di un sito dove si concentrano maggiormente i movimenti del mouse, i click, gli scroll o i tap.

#6 Principio di Fitts

Hai notato che più l’oggetto interattivo è visibile e vicino a te, più è probabile che tu ci interagisca?
Un bravo designer metterà in bella vista e a portata di clic il pulsante che vuole far premere alle persone: iscriviti alla newsletter, acquisto rapido, condividi su Facebook… Il principio di Fitts afferma che più un obiettivo è lontano e piccolo, maggiore sarà il tempo utile per raggiungerlo. E noi utenti non abbiamo tempo da perdere, giusto?

#7 Principio di Hick

Ecco una regola importantissima! Secondo il principio di Hick il tempo richiesto per prendere una decisione e interagire è ampliato dal numero di alternative disponibili, dall’organizzazione degli elementi nel sito web o nell’app, dalle informazioni troppo numerose e dalle azioni superflue. Ci hai mai fatto caso che se hai troppe opzioni tendi a non decidere e abbandonare la pagina? Noi facciamo di tutto per evitare di metterti in questa situazione!

#8 Principio di Miller

L’essere umano è in grado di memorizzare un numero limitato di oggetti e questo condiziona tutta l’attività mentale di ogni persona.
Nel 1956 lo psicologo George Miller pubblicò un articolo sulle sue sperimentazioni riguardo la nostra capacità di elaborare le informazioni, da cui emerse il “magico numero 7″, ovvero il numero massimo di oggetti (parole, numeri, immagini, simboli) su cui ognuno di noi riesce a riflettere.
Per questo menu enormi, lunghi elenchi, troppi elementi e grandi sezioni testuali causano un sovraccarico di informazioni e possono aumentare la frequenza di rimbalzo.
La soluzione è organizzare i contenuti in blocchi più piccoli, per aiutare gli utenti a elaborare, comprendere e memorizzare meglio.


UX e UI hanno in comune una cosa, quella U iniziale che sta per USER → UTENTE.
Il focus sta tutto lì, nella persona che sta usufruendo di un prodotto e che deve essere messa nelle condizioni di vivere questa esperienza al meglio.
Uno Studio Digitale come il nostro deve capire le esigenze e i comportamenti degli utenti che stanno oltre lo schermo, cos’è utile e importante per loro.

Come? Bisogna studiare, ascoltare, approfondire e testare. Fallire e migliorare. Niente di nuovo e niente di più bello, proprio come succede in ogni aspetto della vita, anche quella meno digitale!

La tua iscrizione non può essere convalidata.
La tua iscrizione è avvenuta correttamente.
Iscriviti alla nostra newsletter!

Riceverai consigli e proposte per migliorare la tua impresa!

Condividi su
  • LaravelDay e VueDay, tra teoria e pratica
    Per i nostri dev è ormai un appuntamento fisso! 
    leggi tutto
  • Nuova energia creativa grazie a Play Copy 2023
    Anche la parte di copy ha bisogno di prendersi un momento per crescere
    leggi tutto
  • Bias cognitivi: nuove pillole utili
    Scopri fono in fondo dove la tua mente può raggirarti
    leggi tutto
  • I bias cognitivi: ostacoli per la mente e leve per il marketing
    Quanta fiducia dai alla tua mente? In questo articolo ti spigheremo che non è così…
    leggi tutto
  • UX e UI design: temi da approfondire
    Ecco la seconda parte del nostro approfondimento dedicato all'UX e UI design, buona lettura!
    leggi tutto
  • UX e UI design: il decalogo definitivo
    Ti è già capitato di atterrare su un sito e non riuscire a ricavare le…
    leggi tutto
  • Kayak, la nostra interfaccia open source per interagire con Docker
    Abbiamo progettato un software che fornisce un ambiente di sviluppo Wordpress in pochi minuti
    leggi tutto
  • Ordini Professionali e presenza digitale
    Un sito web è utile a ogni forma di organizzazione, non si tratta sempre e…
    leggi tutto
  • Progettare siti web per la pubblica amministrazione
    Progettare siti web per gli enti pubblici significa lavorare al massimo grado di efficienza per…
    leggi tutto
  • Comunicare la sostenibilità, quella vera
    Il greenwashing è un boomerang per le aziende che non hanno interesse ad evolvere. Noi…
    leggi tutto
  • Le migliori campagne di marketing del 2022, quelle di valore
    Abbiamo scelto 3 campagne di marketing che più ci sono piaciute (e hanno funzionato) nel…
    leggi tutto
  • Employer Branding: significato e vantaggi per le aziende
    L'Employer Branding è la strategia che definisce, gestisce e promuove l'immagine di un'azienda come luogo…
    leggi tutto
  • Vue Day e Laravel Day
    Impressioni e opinioni del Team Sviluppo su LaravelDay e VueDay 2022
    leggi tutto
  • Excel e Gestionali: i due software per la gestione aziendale
    Automatizzare e ottimizzare è fondamentale per gestire al meglio un'azienda. E grazie all'unione di Excel…
    leggi tutto
  • Le difficoltà nella ricerca di personale
    I fattori che stanno rendendo difficile per le aziende la ricerca di nuovo personale sono…
    leggi tutto
  • Comunicare i valori del bio in modo autentico
    L’esigenza è far comprendere al pubblico quanto impegno e quanta responsabilità ci siano alla base…
    leggi tutto
  • Il metodo Agile all’interno di Nodopiano
    Chi applica e prova l’Agile non torna più indietro. Vuoi sapere come siamo giunti a…
    leggi tutto
  • Web Marketing Festival 2022: il futuro è qui
    Diffusione delle competenze digitali, promozione di temi sociali, innovazione e spettacolo: ecco il nostro WMF!
    leggi tutto
  • GDPR e Nodopiano: (s)piegare le regole
    Il GDPR ha cambiato fortemente il modo di raccogliere e utilizzare i dati degli utenti…
    leggi tutto
  • Come si diventa sviluppatori?
    Cura, semplicità e diffidenza sono i 3 principi da seguire se si vuole diventare sviluppatori
    leggi tutto
  • Chi ha paura della pagina bianca?
    Lo spazio bianco non è un nemico, è l'alleato per rendere un progetto grafico davvero…
    leggi tutto
  • Web 3.0: una rete di opportunità
    Web 3.0, privacy e criptovalute Cosa ci riserva il futuro?
    leggi tutto
  • Top 3 campagne marketing 2021
    Quali sono le campagne che più abbiamo amato nel 2021?
    leggi tutto
  • Trend Graphic Design 2022
    Il 2022 sarà un anno di grande semplicità e minimalismo per il mondo del Graphic…
    leggi tutto
  • Le 4P del Marketing Mix
    “Il marketing mix è la combinazione delle variabili controllabili di marketing che l’impresa impiega al…
    leggi tutto
  • Accessibilità nel web: il nostro impegno
    La web accessibility consente di fornire contenuti e funzionalità fruibili a qualsiasi utente, senza discriminazione
    leggi tutto
  • LaravelDay 2021
    Impressioni e opinioni del Team Sviluppo sul LaravelDay 2021
    leggi tutto
  • Gestione dei progetti in home working
    Nell’ultimo anno abbiamo investito molte energie per strutturare il nostro project management
    leggi tutto
  • Font e caratteri tipografici: una scelta di stile
    Scegliere il font per un progetto è un modo per avvicinarsi al cliente e comunicare…
    leggi tutto
  • PWA vs APP native: tutto quello che devi sapere
    La PWA è il mix ideale tra un'app e un sito web, riunisce le migliori…
    leggi tutto
  • La creazione di una campagna di sensibilizzazione
    Come comunicare un messaggio: dal concept della campagna alla data visualization, passando per i social…
    leggi tutto
  • Rebranding: a cosa ti serve?
    Il tuo brand è riconoscibile tra tutti gli altri? Cosa lo differenzia in maniera inequivocabile…
    leggi tutto
  • Come creare tabelle HTML responsive in puro CSS
    Come mostrare le tabelle di dati nei dispositivi mobile?Un problema che tutti si ritrovano a…
    leggi tutto
  • Perchè NodoPiano?
    Cosa vuol dire nodopiano? O meglio, nodo piano? Ve lo spieghiamo in questo post in…
    leggi tutto
  • Personalizzare gli elenchi numerati con CSS
    Qualche dritta da developer in questo post ad alto contenuto tecnico. Elenchi numerati con CSS:…
    leggi tutto